'La Notting Hill degli anni '50? Una piccola Napoli' Successo per la serata dedicata a Julien Temple

Julien TempleIl NapoliFilmFestival mette d'accordo gli appassionati di cinema e di musica. Lo dimostra il successo della serata di ieri, lunedì, dell'incontro di Julien Temple (nella foto) con il pubblico di Napoli a Castel Sant'Elmo. Il regista britannico ha presentato al pubblico la proiezione di Absolute Beginners, sottolineando come la cultura britannica di quel periodo (la storia è ambientata alla fine degli anni ‘50) fosse influenzata da quella italiana: non a caso il narratore Colin MacInnes descrive la sua Notting Hill come una "piccola Napoli". Napoli come sinonimo di fermento culturale nonché ambiente variopinto e dinamico.

Julien Temple ha raccontato di come si sia trovato per la terza volta nella sua carriera a filmare i Sex Pistols, documentando il movimento punk anche a distanza di 30 anni: dopo La Grande Truffa Del Rock'n'Roll (1980) e Oscenità E Furore (1999) ecco arrivare, in anteprima nazionale al NapoliFilmFestival, The Sex Pistols: There'll Always Be An England.

"Il punk è come un guanto gettato in strada, schiacciato dal passare delle auto e dei camion": questa l'immagine usata dal regista per descrivere lo stato attuale della musica punk. L'invito a raccogliere quel guanto - l'eredità del grande movimento musicale - va ai giovani, partendo dal riappropriarsi del diritto a pensare per sé stessi. Per tutta la durata del festival sarà possibile approfondire l'opera di Julien Temple attraverso la rassegna Absolute Temple, interamente dedicata al regista londinese. 
  

 

Partner

Organizzatori

Con il contributo di

Main Sponsor

In Collaborazione con

Con il Patrocinio di

Sponsor

Partner

Festival Partner

Scuole di Cinema Partner