Daniele Luchetti incontra gli studenti al NapoliFilmFestival

Uno scroscio di applausi saluta la visione di Mio fratello è figlio unico di Daniele Luchetti. Il regista romano è il protagonista del terzo incontro di Parole di Cinema e il suo film del 2006 conquista l'Auditorium di Castel Sant'Elmo, con la pellicola tratta dal romanzo “Il fasciocomunista” di Antonio Pennacchi, che ha vinto lo scorso anno 5 David di Donatello.

Come sempre le domande degli studenti universitari fioccano e Luchetti si sofferma sulle sue scelte stilistiche, in particolare sul lavoro fatto sulla sceneggiatura, sulla costruzione del set con scenografi e direttore della fotografia e sulle tante macchine da presa a mano utilizzate, “in grado di restituire la freschezza emotiva del set”, spiega il regista. Il lavoro di Luchetti si è concentrato “sull'elevata temperatura emotiva” della pellicola e sulla restituzione, per quanto trasfigurata e scollegata da qualsiasi riferimento ideologico, della realtà contemporanea. Luchetti non si sbilancia sui progetti a cui sta lavorando attualmente. Lascia solo trapelare che sta pensando a una storia su “un personaggio contemporaneo”.

Partner

Organizzatori

Con il contributo di

Main Sponsor

In Collaborazione con

Con il Patrocinio di

Sponsor

Partner

Festival Partner

Scuole di Cinema Partner